Imperiales Friderici II

L’Associazione storico-culturale “Imperiales Friderici II” di Foggia nasce ufficialmente nel 2004 da un gruppo di amici aventi la comune passione per la storia medievale e sue le discipline. Infatti, riunendo gli appassionati della cultura medioevale, l’Associazione propone di realizzare ricerche tecnico-storiche – sia a carattere locale che nazionale – sull’organizzazione sociale, sugli usi e costumi e quant’altro necessario per una corretta riproduzione e ricostruzione di eventi aggregativi denominati Rievocazioni Storiche (R.S.).
L’Associazione presenta la ricostruzione della vita quotidiana del periodo dal XII al XIII secolo, con particolare riferimento a quella duecentesca e sveva, ed è la prima e l’unica a proporre in Italia personaggi sia occidentali che orientali. Il periodo storico preso a riferimento per le rievocazioni è compreso tra il 1221 ed il 1268 (Sec. XIII), con la possibilità di estendere l’arco temporale, senza che ne risenta la ricostruzione storica dell’evento da rievocare, a 90 anni prima (circa 1130, ovvero epoca di costituzione del Regno di Sicilia) ed a 20 anni dopo (circa 1285, ovvero epoca di dominazione dei primi angioini). Nella fattispecie, vengono affrontati punti oscuri e poco noti del medioevo italiano quali i milites de Apuliæ con seguito e i sagittarii sarraceni. Ulteriore periodo di ricerca e studio, mediante la proposizione di uomini d’arme come cavalieri, fanti ed arcieri, è quello tardo bizantino e primo normanno (Sec. XI).

Le principali attività svolte dal gruppo sono proporre, organizzare e partecipare a eventi di rievocazione storica, a cortei, a convegni, ad incontri, ecc., del periodo in esame. I personaggi solitamente vivono in situazioni/ambientazioni ricreate e propongono spaccati di vita sociale, sia di tipo civile che militare, caratterizzati da didattica e da dimostrazioni/esibizioni.
Le rievocazioni e/o ricostruzioni storiche si esplicano mediante l’esecuzione di:

  • allestimento di accampamento con tende;
  • allestimento d’interni di castelli e di edifici storici;
  • allestimento di mostre a tema, anche in strutture museali;
  • teatralità e animazione in centri abitati;
  • preparazione di pietanze medievali;
  • corteo/parata;
  • esibizioni/spettacoli/didattica:
  • battaglia tra schieramenti;
  • scherma medievale, a piedi ed a cavallo;
  • tiro con l’arco, a piedi ed a cavallo;
  • tiro con la ballista;
  • torneo di tiro con l’arco;
  • torneo tra cavalieri appiedati e/o con seguito;
  • esercitazioni, battagliole e movimenti di combattenti pesanti e leggeri;
  • cerimonia di investitura a cavaliere;
  • musica e ballo di Corte, con tamburi, liuto e danzatrice.
  • allestimento di situazioni/banchi didattici nei quali sono affrontati i seguenti temi:
  • l’abbigliamento e gli accessori di tipo civile e militare, sia occidentale che saraceno;
  • le armi e le armature/protezioni, sia occidentali che saracene;
  • l’alimentazione e le spezie;
  • l’ozio, come la musica ed i giochi medievali (in via di ultimazione);
  • il confezionamento/cucito/ricamo di abbigliamento ed accessori (in via di ultimazione);
  • la scrittura e la monetazione duecentesca nella cancelleria di Corte (in via di preparazione);
  • l’equitazione a la mascalcia (in via di preparazione).

N.B.:   Tali attività e tematiche sono presentate da personaggi, solitamente in un numero medio di 10-15 persone, che rivestono ruoli (cavalieri e scudieri occidentali, guardie e arcieri saraceni, mercanti, servitrici, operaie, musici, scrivani, stallieri, ecc.) consoni al contesto rievocativo.


Link al Sito